martedì 11 aprile 2006



Un paese spezzato in due.

Gli eccessi di Silvio Berlusconi avrebbero dovuto
permettere alla sinistra di riportare una vittoria
elettorale a mani basse. Forte di un patrimonio personale
che ne fa il trentesimo uomo più ricco della Terra e di una
fiducia in se stesso che rasenta l'arroganza, il presidente
del consiglio italiano ha infranto tutti i limiti del
rispetto reciproco proprio di una democrazia. Berlusconi ha
denigrato gli avversari e ha usato un devastante manicheismo
alla Bush. E ora, come ci sono due Americhe, la politica di
Berlusconi ha messo due Italie una contro l'altra. Né le
sbandate verbali del premier né il suo disastroso bilancio
economico sono riusciti a provocare una reazione civica da
parte degli elettori. E a giudicare dalla campagna
elettorale che si è appena chiusa, è difficile credere che
l'Italia ne uscirà vincente.

Le Temps, Svizzera [in francese]
http://www.letemps.ch:80/template/editoriaux.asp?page=1&article=178721


Man mano che si avvicinavano le elezioni mi sono fatto prendere sempre di più da quella che pensavo fosse solo la sindrome di chi è in vantaggio: la paura di essere raggiunto.

Poi arrivano gli exit-poll: finalmente la conferma che è solo la sindrome… Ma in seguito sappiamo come è andata…

Secondo me, anche se per pochissimo (alla camera +0.7% che diventa vantaggio netto grazie al premio di maggioranza e al senato +2 senatori), l’importante è che ci sia stata la vittoria della politica (anche se potremmo dire che è un’accozzaglia dove stanno anche persone culturalmente di dx come Di Pietro o ultra-liberisti come i radicali, ma si può chiamare politica) contro la coalizione dell’insulto, dell’arroganza, degli affari, delle leggi ad personam, del populismo.

Quando (e se) verrà fatta una legge sul conflitto di interessi e verrà regolato l’uso dei mezzi di informazione potremo cominciare a parlare di confronto serio tra due opposte fazioni che la pensano diversamente.

6 Comments:

Anonymous Enrico said...

speriamo di fare almeno
una sola legge
quella appunto sul conflito di interessi

ti invito sul nostro blog...
ciao!

11 aprile, 2006 21:02  
Anonymous Raul said...

Bravo, sono d'accordo con te.
Prima di un vero confronto tra due coalizioni, c'è BISOGNO di DUE coalizioni.

Di sicuro non è possibile cambiare la testa delle persone, persone con poca memoria storica e che valutano superficialmente gli avvenimenti politici.... ma estirpare il cancro che in questi anni ha afflitto il Paese è già qualcosa.

Complimenti per il blog.
Cordiali saluti

12 aprile, 2006 10:29  
Anonymous elerin said...

giusto!

22 aprile, 2006 15:07  
Anonymous Anonimo said...

What a great site, how do you build such a cool site, its excellent.
»

11 giugno, 2006 16:14  
Anonymous Anonimo said...

Great site lots of usefull infomation here.
»

21 luglio, 2006 13:31  
Anonymous Anonimo said...

I find some information here.

23 luglio, 2006 10:26  

Posta un commento

<< Home